Microsoft accelera il rilascio degli ultimi aggiornamenti di Windows 10

L’aggiornamento finale delle funzionalità di Windows 10 del 2017 sta arrivando più velocemente agli utenti rispetto al rilascio della prima revisione di Microsoft.

Microsoft ha spinto l’aggiornamento finale di Windows 10 del 2017 più velocemente di quanto abbia fatto nella prima revisione dell’anno, secondo i dati di una rete di Windows app.

I dati da AdDuplex, un’azienda Lituana la cui tecnologia è integrata in migliaia di Windows appps, ha mostrato che Il Fall Creators Update di Ottobre (FCU) è stato  installato su circa il 54% di tutti i personal computer con Windows 10 presi in esame al 20 Dicembre.

L’FCU di Windows 10, anche conosciuto come 1709 nel formato di Microsoft yymm, lanciato il 17 ottobre. Nelle nove settimane successive fino al 20 Dicembre, AdDuplex ha riportato, più di metà – 53,6% per l’esattezza – hanno aggiornato ad FCU da una versione precedente.

Altre edizioni continuano a proliferare sui PC dei clienti. L’aggiornamento delle funzionalità di aprile, chiamato Creators Update ed etichettato 1703, risulta il 34%. Anche versioni più vecchie, incluso l’unico aggiornamento del 2016, l’Anniversary Update (1607) ed il presto-ritirato-dal-supporto 1511, segnano l’11% e l’1%, rispettivamente.

Il veloce passaggio ad FCU è stato in contrasto con la lenta transizione al Creators Update nel primo 2017. Undici settimane dopo il debutto del Creators Update, il 5 aprile, AdDuplex ha misurato che la sua diffusione su tutti i PC Windows 10 era solo del 36%, poco più di un terzo. Il suo predecessore, l’Anniversary Update, o 1607, ha continuato ad essere nella maggioranza dei PC Windows 10 (59%) in quel momento.

Microsoft controlla il passo di adozione dei aggiornamenti di Windows 10, almeno nei primi mesi successivi al rilascio. Anche se alcuni utenti cercano attivamente gli aggiornamenti da scaricare ed installare, la maggior parte attendono che Microsoft lo offra al loro PC, a quel punto il resto è di solito automatico.

Lo sviluppatore di Redmond, Wash è stato chiaro sul non  distribuire l’aggiornamento  completo a tutti dall’inizio. Invece, fornisce ogni aggiornamento ad un numero crescente di PC con il passare del tempo, iniziando dai sistemi più nuovi che teoricamente dovrebbero avere meno problemi nell’installazione. Il modello di rilascio in fasi – pur non essendo nuovo, e nemmeno un’invenzione di Microsoft – lascia gli sviluppatori a valutare il successo dell’installazione, correggere i problemi e poi avanzare con il rilascio.

Che FCU sia stato distribuito più velocemente dei predecessori può essere spiegato in  molti modi.

Dopo cinque releases, Mirosoft potrebbe aver trovato la sua strada, in grado finalmente di raggiungere la maggioranza degli utenti Windows 10 con un feature upgrade in meno di due mesi, e così provare che può eseguire il suo rapido sviluppo e la sua strategia di rilascio. O FCU è semplicemente più apprezzato rispetto al Creators Update di primavera; le timeline contrastanti hanno constatato la miglior qualità di FCU.

O Microsoft ha dato un po’ di gas con FCU, perchè è stato criticato per il lento ritmo del primo 2017.

Non sono molto chiari i dati di AdDuplex, ma probabilmente riguardano molto l’ambito consumer, per due ragionni. Primo, molte aziende limitano o addirittura bloccano le app del Microsoft Store – la rete di AdDuplex opera solo all’interno di queste app – dai PC in cui sono installate. Secondo, le aziende che sono passate da Windows 7 a Windows 10 non installano gli ultimissimi aggiornamenti entro almeno quattro mesi dal loro arrivo nei computer consumer.

Il prossimo aggiornamento di funzionalità di Windows pare che arriverà a Marzo, secondo il calendario di Microsoft.

Lucy

Lucy ha scritto 8 articoli

Navigazione articoli


Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi usare questi tag e attributi HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>